...torna all'indice


MISTERIOSE FORME DI VITA
(NIGHTFLYERS)
di Robert Collector

Fantahorror statunitense del 1987, ai tempi in Italia distribuito rapidamente in sala da Cecchi Gori e poi finito in home-video sotto label Futurama, che parte da uno spunto interessante ma si sviluppa in modo sin troppo cadenzato e non riesce a strutturare una tensione claustrofobica che sarebbe stata necessaria. La storia (tratta da un racconto breve dello scrittore George R.R.Martin) vede un gruppo di scienziati e sensitivi partire verso lo spazio per seguire flebili segnali, che sembrano provenire da un'entità extraterrestre. Il viaggio in astronave si rivela però un incubo poiché, uno ad uno, i componenti dell'equipaggio iniziano a morire, vittime di una forza oscura ed apparentemente inarrestabile. Che sia l'astronave stessa a compiere gli atroci delitti ? Miscelando idee e reminiscenze dal “2001 : Odissea nello spazio” di Kubrick, passando per “Alien” di Scott ed anticipando “Punto di non ritorno” di Anderson, il film in questione si contraddistingue per una prima parte troppo lenta ed una seconda, infarcita di momenti splatter ed effetti ottici, più ritmata e divertente. Nonostante il budget limitato, i valori in campo sono professionali e la confezione, merito anche di una fotografia costantemente al neon, delle scenografie discrete e di uno score musicale puntuale, è egregia. Ma la sceneggiatura gira spesso a vuoto, i personaggi sono caratterizzati con l'accetta - nonostante certe mire psicoanalitiche - e gli eventi risultano concatenati in modo sin troppo prevedibile. Regia non disprezzabile di Robert Collector che pare , a seguito di discordie con la produzione, abbia abbandonato il film prima che il montaggio fosse terminato e non abbia voluto che il suo vero nome comparisse nei titoli. Difatti la pellicola è firmata da un anonimo T.C. Blake. Nel complesso, comunque, vedibile.

VOTO: 5,5

...indietro