...torna all'indice

L'INVASIONE DEGLI ULTRATOPI
(THE RATS ARE COMING, THE WEREWOLVES ARE HERE!)
di
Andy Milligan

Andy Milligan e' considerato ufficialmente come uno dei peggiori registi horror (e non solo) di tutti i tempi. Autore principalmente di horror in costume e drammi violenti, con soventi incursioni nel cinema gay, Milligan ha ottenuto con molta furbizia e pochissimo budget spesso un successo inaspettato. Questo "L'invasione degli Ultratopi" ne è un esempio lampante, visto che incassò cifre considerevoli e fu venduto in tutto il mondo, ben accodandosi al successo del momento (siamo nel 1972) ovvero "Willard e i topi". Proprio per sfruttare l'idea del film sopracitato, Milligan fece aggiungere, poco prima della distribuzione del suo film, 8 minuti in cui appaiono topi e in cui si parla di topi e appioppò alla pellicola il roboante e ridicolissimo titolo "The Rats are coming, the werewolves are here!". Ma veniamo alla confusissima storia che narra di una famiglia di licantropi incestuosi alle prese con un umano che porta zizzania, conquistando l'amore di una giovane donna-lupo. Dialoghi deliranti, riprese fisse che durano decine di minuti, fotografia disastrosa, montaggio rozzissimo ed una recitazione da teatrino delle marionette sono solo alcuni dei micidiali ingredienti del cinema di Milligan. Aldilà di alcuni momenti truculenti, dagli effetti speciali ultra-dozzinali, ciò che colpisce è il tentativo di creare comunque un'atmosfera morbosa, sporca e sgradevole che talvolta colpisce effettivamente nel segno, specie nei momenti di sesso e pervesione. Ma l'insieme è davvero troppo raffazzonato ed il ritmo inesistente, tanto da far precipitare nel tedio assoluto lo spettatore. Così si arriva sbadigliando al ridicolo finale in cui davvero si raccapezza poco di ciò che accade e ci si chiede sbalorditi quale follee visionario autore di serie-z possa essere Andy Milligan.

VOTO ESTETICO: 2 VOTO TRASH: 9