...torna all'indice

SANGUE NEGLI ABISSI
( DEEP BLOOD - SHARK: THE CHALLENGE )

di Joe D'Amato

Firmandosi con lo pseudonimo Raf Donato, il nostro buon vecchio Joe D’Amato sforna questo tardo clone de “Lo Squalo”. Quattro ragazzini, dopo aver incontrato un vecchio sciamano indiano, stringono un patto di sangue per suggellare il loro legame d’amicizia. Il tempo passa ed i bambini diventano adulti con vite separate e problemi assortiti, finché un giorno si incontrano di nuovo. Ma a sconvolgere l’equilibrio ci pensa un vorace squalo bianco che, dopo aver ingerito un paio di persone, pensa bene di far fuori anche uno dei quattro ragazzi. Sconvolti, i restanti tre giovani pensano di dar battaglia al predatore marino. Non sarà facile, poiché la leggenda indiana vuole che lo squalo sia una sorta di spirito maligno mandato sulla terra per uccidere l’uomo. “Sangue negli Abissi” rispetto all’infame “Cruel Jaws” di Mattei vanta almeno una regia abbastanza professionale (anche se molto piatta), una fotografia decente e qualche discreta ripresa subacquea. Purtroppo non bastano queste doti a salvare la pellicola in questione che risulta tremendamente noiosa. E’ densa di futili (e pessimi) dialoghi, ha una sceneggiatura risibile, è recitata da cani ed ha un fiato spaventosamente corto. D’Amato ruba scene documentaristiche di squali a più non posso,inserendole qua e là per ovviare alla totale mancanza di effetti speciali. In più di un’occasione, durante le riprese subacquee, potrete ammirare i bordi della piscina ove è stato realizzato il film. Io sono un fan del mitico Massaccesi/D’Amato ma,credetemi,questa pellicola è davvero pesante da digerire. Uno dei film più trascurabili prodotti dalla Filmirage..

VOTO ESTETICO : 4,5 VOTO TRASH :7