...torna all'indice

MUTANT HUNT
di Tim Kincaid

Delirio low-budget a base di mutanti-cyborg e fantascienza da bancarella. Tale opera è frutto della "geniale" mente di Tim Kincaid reuccio del cinema di serie z e già autore in precedenza di un capolavoro del calibro di "Robot Holocaust". In verità il budget di questo film è lievemente più alto (e non ci voleva molto!) di quello della precedente pellicola ed il risultato finale più godibile. Ciò non toglie che ci si trovi dinanzi ad una pellicola assolutamente ridicola anche se con una storia e degli effetti speciali più accettabili. La trama vede il mondo futuro in mano ad associazioni che usano mutanti per i loro scopi di conquista e che non esitano a "drogare" le loro creature con l'euforbio (!?!). Tale sostanza rende però i mutanti ultra-violenti ed incontrollabili. Cosi' toccherà ad un cacciatore di cyborg risolvere la demente situazione. La comicità involontaria è il piatto forte di questo film che si avvale della non-recitazione di attori dalle facce idiote ed inespressive. Kincaid ci regala le sue solite sciatterie registiche e soprattutto delle perle di dialogo davvero imperdibili. Una su tutte, la battuta micidiale che il cacciatore di mutanti rivolge alla sua bella: "Eh si mia cara…la vita è un'omelette". Vi giuro che non volevo credere alle mie orecchie e perciò ho riavvolto il nastro e rivisto di nuovo la scena !!! Allibito, ho preso nota della totale stupidità di attori e regista e mi son rassegnato a terminare la visione di tale mega-trash. L'unica nota positiva del film sono gli effetti splatter di Ed French il quale, nonostante fosse quasi senza budget, ha tirato fuori dei risultati egregi. In definitiva questo "Mutant Hunt" vi divertirà per la sua insensatezza e per la dose massiccia d'azione contenuta in esso..

VOTO ESTETICO: 3,5 VOTO TRASH: 9