...torna all'indice

MALIBU SHARK ATTACK
di David Lister

Sci-Fi Channel, attualmente rinominata SYFY, è un canale televisivo americano che produce e trasmette serie tv e film horror/fantascientifici low budget. Con la realizzazione, nel 2009, di "Malibu Shark Attack" ha toccato però il fondo della pochezza d'idee e del pressapochismo della messa in scena. Terremoti ed eruzioni oceaniche spingono in superficie, dalle profondità abissali,un branco di ferocissimi "Goblin Sharks" (squali ciechi, dall'aspetto particolarmente orrido ed estremamente rari) che iniziano a sgranocchiare bagnanti. Ma i sopraccitati movimenti tellurici causano persino un'onda tsunami che investe le spiagge di Malibu, sommergendo parzialmente l'intera città. Uno sparuto gruppo di guardacoste , scampato miracolosamente al maremoto ed isolato all'interno di una palafitta circondata dal mare, dovrà vedersela con i famelici squali e lottare disperatamente per sopravvivere. Brutto , a livelli epici, "Malibu Shark Attack" vive di una computer grafica di stampo infimo, che anima gli squali in modo goffo e ridicolo, e che ci mostra lo tsunami meno credibile dell'intera storia del cinema. Assolutamente illogico, in ogni suo passaggio di sceneggiatura, il film snocciola una serie di prevedibilissimi personaggi stereotipati che si lanciano sovente in atti di eroismo gratuiti e che sciorinano dialoghi da lobotomizzati e ci mostra un paesaggio post-maremoto palesemente finto, in cui scorgiamo ancora ombrelloni in spiaggia ed ampie strisce di terraferma "miracolosamente" non sommerse. Poverissimo nei mezzi, tecnicamente raffazzonato e di stampo paratelevisivo, il film non offre molto gore ,con cui sollazzare lo spettatore, ma almeno regala perle trash di discreto livello con protagonisti gli squali (visivamente più buffi che terrorizzanti) che si muovono alla velocità di razzi terra-aria e che saltano fuori dall'acqua come cavallette divorando "al volo" le ignare vittime. Solo per fanatici del beast-movie di serie z.

VOTO ESTETICO: 3,5 VOTO TRASH: 7,5