...torna all'indice

MALABIMBA
di
Andrea Bianchi

Horror/sexy,diretto da Andrea Bianchi(con lo pseudonimo di Andrew White!)che mescola satanismo, splatter e sesso sfrenato (in puro D'Amato style). C'è da fare una premessa nello spiegare questo film in modo da calarvi perfettamente nello stile tipico del mitico produttore Gabriele Crisanti. Verso la metà degli anni '70 Crisanti stabilì un rapporto con un cast di collaboratori fissi come l'efebico Gianni Dei (assente in questa pellicola),la "divina" Mariangela Giordano (musa di grandi registi come Jess Franco) lo sceneggiatore Piero Regnoli e i registi Mario e Andrea Bianchi e Mario Landi,con i quali realizzò diversi film,simili per morbosità e abbinamento "sesso/violenza" ma che spesso scadevano nel ridicolo involontario. "Malabimba" fu il primo frutto di questa collaborazione che portò in seguito altri cult come "Giallo a Venezia", "Patrick vive ancora","Zombi horror" e "La bimba di Satana". Ma veniamo a "Malabimba": Nel corso di una seduta spiritica,l'anima di Lucrezia,donna malvagia morta diversi secoli orsono in circostanza non chiare si impadronisce della giovane lolita Bimba. Da questo momento la ragazzina posseduta dal demonio inizia a comportarsi in maniera strana e cercherà di sedurre tutti i componenti della sua famiglia, più gli ospiti del maniero nel quale si svolge la seduta spiritica raggiungendo l'apice con la "conquista" di una innocente suorina (Mariangela Giordano al suo meglio). I comportamenti satanico/blasfemi della ragazzina vorrebbero ricordre quelli di Linda Blair de "L'esorcista"...vorrebbero... Nel frattempo anche il padre della piccola indemoniata si prodiga alla ricerca di "vittime" (si fa per dire!) e la prima è la moglie del fratello, paralizzato da tempo a letto per una malattia che lo rende "catatonico"(vedi Gianni Dei in "Patrick vive ancora"!). "E' una crisi tipica della sua età"...così i parenti liquidano i problemi della ragazzina!! Dimenticavo di descrivere i momenti horror.. Beh che dire...porte che sbattono,luoghi tetri,suicidi,morti misteriose ultra violente e soprattutto incubi e apparizioni sataniche che volevano dare al film un tocco di mistero in più rispetto al dilagare dello splatter puro. Si vedrà molto di più in "Patrick vive ancora" e "Zombi horror" con la famosa scena del "nano che strappa a morsi il seno della Giordano" (fa pure rima!). Diciamo che essendo il precursore di queste opere,"Malabimba" può essere definito un film sperimentale che fece intuire ciò che in seguito venne sviluppato meglio(o peggio?!?!). Da cineteca "trash-horror-stracult-sexy-ecc." la scena in cui Bimba si manifesta improvvisa nella stanza dello zio, paralizzato sì, ma non in tutti i muscoli del corpo...

VOTO ESTETICO: 5 VOTO TRASH: 8

RECENSIONE DI

LUCA "LUKE" CIRILLO