...torna all'indice

KILLER CROCODILE 2
di Giannetto De Rossi

Sequel diretto dall'effettista Giannetto De Rossi, creatore di alcuni dei più bei zombi dei film di Lucio Fulci (Fabrizio De Angelis regista del primo qui veste solo i panni del produttore). La storia non varia di molto rispetto al precedente film tanto che questo "Killer Crocodile 2" sembra più un remake che altro. Si riparte con l'ultima inquadratura con cui si era chiuso il primo capitolo, ovvero quella in cui un uovo appartenuto al mostruoso coccodrillo si schiude e ne fuoriesce un cuccioletto che ben presto assumerà le dimensioni del genitore ed anche la voracissima tendenza a papparsi umani. Segue immancabile scontro fra bestia e uomo in cui il secondo avrà la meglio. Poco da dire sul film, i problemi di mezzi e di sceneggiatura standard sono i soliti cosi' come i problemi nell'animatrone del rettile assai scattoso e troppo finto. Diminuisce considerevolmente il gore ma i momenti trash sono comunque presenti. Io mi chiedo una cosa: perché la fantasia degli autori si sbizzarisce solo nel trovare i modi più stupidi per far crepare le vittime nei film low-budget? Daccordo che di solito la vittima s'infratta nei posti più isolati (dove nessuno può sentirla urlare) per fare pipi', d'accordo che la legge del contrappasso colpisce i soggetti piuttosto immorali…mi sta bene! Ma perché in questo film un bracconiere che vaga in piena notte nella foresta spara ad un alveare gigante su di un albero (che nel buio s'intravede davvero a fatica) e poi fugge perche' le api giustamente incazzate lo inseguono e va a finire proprio in bocca al coccodrillo? Mah…misteri del cinema italiano… .

VOTO ESTETICO: 5,5 VOTO TRASH: 7