...torna all'indice

FUTURE-KILL
di Ronald W. Moore

Produzione americana del 1985 di rara inconsistenza che gabba l'incauto spettatore con una bellissima locandina , realizzata da H.R. Giger (a quanto pare sotto supplica del regista stesso), e sciorina nel cast la reunion di due attori dello storico “Non aprite quella porta”, ovvero Edwin Neal e Marilyn Burns. I pregi, se così li vogliamo definire, di “Future Kill” però si fermano qui. Già la trama fa presagire puzza di trashone con i consueti collegiali, che per superare l'immancabile prova della confraternita di turno, devono recarsi nei bassifondi della città e rapire il capo dei “Mutanti”, un movimento pseudo-post-punk che protesta contro l'inquinamento e la radioattività. Durante il goffo tentativo di rapimento interviene “Splatter”, un pazzo e violento membro dei “Mutanti”, che coglie l'occasione per uccidere il capo della banda, prenderne il posto e far ricadere la colpa sugli stupidissimi collegiali. Questi si troveranno così l'intera gang alle calcagna e dovranno lottare disperatamente per sopravvivere. Disastroso incrocio fra “I guerrieri della notte”, per il plot e lo sviluppo della vicenda, “Animal House”, per la goliardia giovanilistica, e “Nightmare” di Wes Craven, per il look dal guanto armato di rasoi del cattivone “Splatter”, “Future Kill” lascia basiti per l'incredibile pressappochismo di regia, montaggio, sceneggiatura e recitazione. Terrificanti dialoghi messi in bocca ad attori allo sbaraglio, vestiti da perfetti idioti e contonati oltremodo e gags di stampo pseudo-comico-pecoreccio decisamente deprimenti. Ma non basta ! Musiche da sintetizzatore, tipicamente anni '80, notevolmente brutte ed effetti speciali dozzinali che regalano oltretutto pochissimi momenti splatter . A questo minestrone aggiungete tanti scivoloni nel comico involontario, interminabili inseguimenti nei quattro vicoli in croce che rappresentano le uniche scenografie del film e dei combattimenti corpo a corpo coreografati da una maestra d'asilo. Primo (ed unico) film del regista.

VOTO ESTETICO: 4 VOTO TRASH: 8