...torna all'indice

BLOOD TRACKS - SENTIERI DI SANGUE
di
Mats Helge Olsson (Mike Jackson)

Orrido filmaccio di matrice svedese a zero costo in cui stupidità & tedio formano una miscela micidiale. Tale obbrobrio s'inserisce nel mini filone "horror rock", una serie di film di relativa fortuna nati (e defunti…) negli anni '80 che mescolavano horror, gore, sesso e videoclip pop-rock e che erano destinati esclusivamente ad un pubblico di teenagers. "Blood Tracks" è la versione pessima di "Le colline hanno gli occhi" e ne ricalca pedestremente trama e situazioni. Una band rock si reca sulle montagne innevate per girare un videoclip ma il loro sound troppo potente causa una valanga (!??!!?). Per sfuggire alla slavina i "nostri" si rifugiano in una baita che si trova nei pressi di una vecchia fabbrica in disuso. La presenza dei rocckettari disturba però la quiete di una famigliola di brutali trogloditi che li' dimora. Questi ultimi provvederanno a compiere una feroce strage. Detta cosi' la storia potrebbe almeno risultare divertente ma vi assicuro che la noia impera sovrana e che lo spettatore rischia di dormire sonni eterni di fronte a tale pellicola. La regia è semplicemente disastrosa e gli attori snervanti ed incapaci. Il montaggio è fatto con un'accetta e la sceneggiatura totalmente inesistente. Assistiamo ad una serie infinita di azioni insensate, stupide e superflue ed il gore non salva la situazione (buona comunque la scena in cui una ragazza viene troncata in due da una catena e quella in cui uno zoticone strappa brutalmente l'occhio ad una vittima). Inoltre l'ultima mezz'ora di film è girata nella quasi completa oscurità rendendo incomprensibile l'accaduto. Da segnalare anche l'ignobile doppiaggio italiano con suoni di scena quasi del tutto assenti.

VOTO ESTETICO: 1 VOTO TRASH: 8,5