...torna all'indice

BLOODBEAT
di Fabrice A. Zaphiratos

Marito e moglie vivono nel Wisconsin e mentre lui si dedica alla caccia dei cervi, lei dipinge strani quadri, colleziona cimeli orientali e vive esperienza extrasensoriali (!!??). Per la vigilia di Natale ricevono la visita del loro figlio, assieme alla fidanzata ed una coppia di amici. Improvvisamente , una serie di strani fenomeni si verifica e, ancora più inspiegabilmente, lo spirito di un samurai si materializza ed inizia a mietere vittime. Oscuro horror del 1985 la cui insensatezza del plot fa a gara con la confusione assoluta della sceneggiatura. Non capiamo mai a fondo il perché degli accadimenti e soprattutto cosa ci faccia lo spirito di un samurai nel Wisconsin poiché non ci vengono fornite spiegazioni (dubito fortemente che il regista/sceneggiatore Zaphiratos ne avesse). Addirittura , ogni qualvolta i protagonisti della vicenda chiedono delucidazioni alla madre di famiglia (l'unica che si suppone sappia la verità) lei li liquida dicendo “Mi dispiace ma non posso dirvi cosa sta succedendo”. Pertanto ci si deve accontentare di rimanere all'oscuro ed andare avanti con la (faticosa) visione. Lento e scollegato, “Bloodbeat” si trascina avanti fra lunghe (ed inutili) chiacchierate, paesaggi innevati, spruzzate copiose di sesso, fenomeni poltergeist, situazioni ridicole e pochissimo gore . Povero nei mezzi e “buio” nella fotografia, il film non offre spunti d'interesse e la noia fa capolino dopo pochi minuti dall'inizio per accompagnarci costantemente, fino a fine visione. In questa bizzarria, senza né capo né coda, si percepiscono influssi di “Entity”, “Poltergeist – Demoniache presenze” e “La Casa del male”, il tutto mescolato in un calderone caotico. Incredibili le sequenze in cui il samurai entra in azione (avvolto da un'aurea bluastra) e la fidanzatina del figlio (che ci mostra abbondantemente tette e culo, per quasi tutto il film) “sente” la presenza malefica e prova degli orgasmi ad ogni omicidio. Bah. Solo per “cacciatori” di astrusità su celluloide.

VOTO ESTETICO: 4,5 VOTO TRASH: 7,5