...torna all'indice


SLIME CITY
(THE SLIME)
di Gregory Lamberson

Melting-movie ultra low budget che narra delle "mucose" disavventure di un giovane pittore che decide di affittare un appartamento in uno squallido condominio di periferia. Tutto ha inizio quando il ragazzo viene invitato a cena da un suo bizzarro vicino. Questi gli propina una sorta di gelatina come pasto ed il ragazzo dopo averla ingerita si tramuta in un essere in decomposizione. Il "nostro" mentre è in questo stato accoppa un barbone incontrato in un vicolo e, dopo l'omicidio, nota che il processo di putrefazione regredisce fino a sparire. Cosi' avrà inizio una catena di delitti atti a soddisfare la fame dello "slime" ( che è una sorta di ectoplasma che possiede i corpi umani). Il giovane pittore scoprirà che tutti gli inquilini del condominio sono coinvolti in questa bizzarra situazione poiché adepti di un negromante che scopri' il segreto per controllare il processo di disgregazione della carne umana e che ora vive in loro come una sorta di parassita. Nel finale il ragazzo verrà fatto letteralmente a pezzi dalla sua agguerrita girlfriend. Bizzarra commistione fra "The Stuff" di Cohen e "Rosemary's baby" di Polanski, il film da il massimo negli ultimi 20 minuti che sono un vero e proprio diluvio di umori nauseabondi e viscido slime. Al protagonista viene amputato un braccio, mozzata una mano e la testa che a sua volta viene spaccata in due con un coltello. Dal cranio sfondato fuoriesce il cervello che se ne va a zonzo per po' prima di essere spappolato a colpi di mannaia !!! Splatter a profusione che fa dimenticare una regia rozza, una fotografia squallida, interpreti mediocri ed una colonna sonora cacofonica. Credetemi, questi ultimi sembreranno anche a voi elementi superflui quando vi troverete dinanzi ad una marea di liquame giallognolo che vi corre incontro dallo schermo della vostra TV. Conosciuto anche con il titolo "The Slime".

VOTO: 6,5

...indietro