...torna all'indice


NOTTE PROFONDA
di
Fabio Salerno

Un giovane disegnatore di fumetti horror trova casualmente uno strano oggetto. Trattasi di un "rompicapo" a forma piramidale che attira in maniera innaturale l'attenzione del ragazzo. In realtà nell'oggetto si cela una forza maligna che ben presto si libererà rendendo impossibile la vita la protagonista. L'entità entra negli oggetti inanimati donandogli vita ed istinti omicidi. Nel catartico finale il giovane reprimerà il male ma a caro prezzo…Girato in 16 mm dallo sfortunato filmaker milanese Fabio Salerno (morto suicida nel '93), "Notte Profonda" è un film povero nei mezzi ma che trasuda autentica passione per il cinema horror e fantastico. Costato l'irrisoria cifra di 11 milioni (con i quali oggi non si riuscirebbe neanche a pagare lo sviluppo di 10 minuti di pellicola) il film ha ritmo ed una buona quantità di effetti speciali di pregevole fattura (fra cui alcuni gustosi momenti in stop-motion ed altri in cui viene usato intelligentemente il reverse) curati dallo stesso Salerno. Luigi Sgroi, nei panni del protagonista, da una buona prova recitativa e le ossessive musiche (forse fin troppo presenti nel film) riescono a creare atmosfere horror notevoli. Purtroppo la mancanza di mezzi ed il montaggio alle volte un po' rozzo inficiano sulla "confezione" finale del film. Ciò non toglie che il prodotto sia lodevole negli intenti ed anche nel dignitoso risultato finale. Prendendo ispirazione da Raimi ed Argento, il regista Salerno crea alcune situazioni davvero bizzarre e divertenti. Una su tutte la scena in cui il protagonista, mentre sta cercando di aprire una porta, assiste ad alcuni fenomeni inquietanti quali una chiave che si scioglie sfrigolando, il pavimento che si anima e cerca di catturarlo con delle mani che si protendono ed una corda con cappio che emerge dal buio e cerca di impiccarlo. "Notte Profonda" non è un capolavoro, né tantomeno un film che vi lascerà a bocca aperta per livello di spettacolarità, ma resta comunque un prodotto indipendente denso di vera voglia di fare cinema, anche nelle condizioni in cui molti registi storcerebbero il naso. Guardatelo e capirete che l'amore per la settima arte e la voglia di esprimere la propria fantasia possono dar origine ad un prodotto sincero e genuino. Ed oggi , con tutti questi "blockbusters" carichi di pomposa computer grafica e poveri d'idee, c'è tanto bisogno di film di questo genere…

VOTO: 7

...indietro