...torna all'indice


L'ULTIMA CASA A SINISTRA
(LAST HOUSE ON THE LEFT)
di Wes Craven

Ecco il primo film di Wes Craven, colui che inventerà la figura di Freddy Krueger in "NIGHTMARE" e l'assassino seriale di "SCREAM", colui che è sempre stato in grado , con intelligenza e scaltrezza, di riportare in auge il genere Horror nei suoi momenti di crisi inventiva. Questo primo film ( fatto nel 1972) è anch'esso importante per il cambio generazionale dell'horror poiché rappresenta la mutazione in carne e violenza pura del genere assumendo un tono freddo e documentaristico. La vicenda narra di una coppia di ragazze piuttosto disinibite che decidono di passare una serata all'insegna del divertimento e delle droghe leggere. Purtroppo le due giovani s'imbatteranno in un gruppo di sbandati evasi dal carcere il cui crudele capo Krug è uno psicopatico misogino sanguinario. Seguira' una serie impressionante di violenze, stupri,umiliazioni, torture che raggiungeranno il climax con la morte delle due ragazze. Ma la storia non termina qui poiche' gli aguzzini in fuga si rifugeranno all'interno di una villa che appartiene ai genitori di una delle due giovani. Il padre e la madre riusciranno per vie traverse (uno dei criminali porta al collo il foulard della figlia) a capire che sono stati loro gli artefici della morte dell'amata figliola e provvederanno ad una cruda e metodica vendetta. All'inizio del film appare una scritta che mette in guardia i giovani dicendo che chi usa droghe ed alcool puo' benissimo incappare in vicende allucinanti come queste ed inoltre l'avvertimento prosegue dicendo che il film in questione è stato proiettato nelle scuole superiori e nelle università americane!!! Tralasciando questo falso messaggio che serve solo a pubblicizare il prodotto dandogli scalpore e tralasciando il fastidioso e squallido moralismo della pellicola (le violenze sono esplicite e volutamente messe in mostra per il gusto sadico dello shock e non per dare alcun insegnamento valido..) si può dire che il film resta impresso nella mente per l'interpretazione allucinante di David Hess nel ruolo di Krug. Folle,crudele ed instabile, l'attore ripeterà la performance anche in "LA CASA SPERDUTA NEL PARCO" di R.Deodato. Tecnicamente il film è piuttosto rozzo ma risulta comunque efficace nel mettere in mostra una violenza impressionante che gli causo' la nomina di "Nasty movie" e l'esclusione da molti circuiti cinematografici nel mondo (primo fra tutti l'Inghilterra) e fu tagliato in fase di montaggio a più non posso tant'è che nacque una leggenda sull'effettiva durata del film che pare nessuno abbia mai visto in versione realmente integrale (la mia copia spagnola si spaccia come tale ma ho dei dubbi in proposito).Il film darà poi il via ad un sottogenere definito come :" Rape/Revenge" ovvero Stupro-vendetta. Un'ultima curiosità..il produttore del film è il volpone Sean S. Cunningham che anni dopo dirigerà un grosso successo commerciale quale "VENERDI' 13".

VOTO: 6,5

...indietro