...torna all'indice


IL FIUME DEL GRANDE CAIMANO
(THE GREAT ALLIGATOR RIVER - THE GREAT ALLIGATOR)
di Sergio Martino

Un lussuoso hotel viene costruito nei pressi di un fiume, in un paese tropicale. Ma gli indigeni temono che l’opera dell’uomo bianco possa risvegliare il loro Dio del male che, secondo la leggenda, vive nelle acque del fiume. In realtà la divinità altri non è che un enorme caimano che, inopportunamente infastidito dai rumorosi turisti, ben presto provvederà a far schioccare le sue fameliche mascelle. “Il fiume del grande caimano” , realizzato nel 1979, chiude la trilogia avventuroso-orrorifica ad opera di Sergio Martino (gli altri due film sono “La montagna del dio cannibale” e “L’isola degli uomini pesce”). Chiaramente debitore nei confronti de “Lo squalo” di Spielberg, il film in questione gode comunque di una sua personalità grazie soprattutto all’ambientazione esotica e alla buona regia di Martino. Gli splendidi paesaggi naturali (le riprese sono state effettuate in Sri Lanka), il ritmo narrativo sostenuto ed alcuni momenti di suspense sopperiscono ad una sceneggiatura prevedibile e piatta. Discreto anche il cast con Barbara Bach (bellissima), Claudio Cassinelli (improbabile, ma simpatico “macho” ecologista) e Mel Ferrer (cinico quanto basta). Di basso profilo invece gli effetti speciali, assolutamente deludenti. Il caimano è talmente statico e finto che in confronto il suo collega nel mitico “Killer Crocodile” merita l’oscar. Comunque “Il fiume del grande caimano” è un film che va visto, se non altro in memoria del tanto adorato cinema italiano che fu..

VOTO: 6

...indietro