...torna all'indice


THE BAY
di Barry Levinson

“The Bay” era quanto mi aspettavo. Dai trailer, in circolazione, erano emersi fin troppi spoiler sulla trama. Mi stupisco in questa ottica che ci si ostini a definirlo un film che tratta di virus e contagi, perchè è chiaro che qui di monster-movie in piena regola si tratta: come nell'antenato “Slugs” (che trattava di lumaconi carnivori mutanti), anche qui si parla infatti di creature mutate ed ingigantite per errore umano, in grado di attaccare nuotando in acqua o strisciando sulla terraferma dopo essere fuoriuscite dal corpo degli ospiti divorati dall'interno (in un modo non molto dissimile da quello visto proprio nella celebre sequenza del ristorante del citato “Slugs”). Certo, qui non si parla di un b-movie come in quel caso, ma di un mainstream che strizza l'occhio alla recente tendenza del cinema-"verità" basato sul montaggio di "real"-footage: e che in calce all'operazione ci sia la firma di un regista illustre (il Levinson di “Rain Man”, nientemeno!) che esordisce nel filone sotto l'ala protettrice di un ex sconosciuto (Oren Peli) divenuto regista e produttore per caso dopo l'exploit inatteso di un prodotto simile (“Paranormal activity”) la dice davvero lunga sulle odierne popolarità e conseguenti potenzialità commerciali di questo genere. Ma ancora qualche anno, forse, ed il grande pubblico si stuferà, come è già stato per i fantasmi dalla lunga chioma del j-horror e come presto accadrà - forse - anche per i redivivi zombi...
Il mio voto, per la cronaca, si attesta sul mezzo punticino oltre la sufficienza, con annesso consiglio di visione per chi ha amato “Slugs” e anche - perchè no -Ticks. Ah, un'ultima cosa, il parassita (Cymothoa Exigua) preso a prestito dal film in questione provoca più disgusto nella realtà che nella sanguinosa scorribanda cinematografica. Pensate che, dopo essersi introdotto dalla branchie nel pesce, dissangua la sua lingua e , da autentico simbionte, s'innesta al posto di essa. Brrr...

VOTO: 6,5

RECENSIONE DI

FLAVIO GIOLITTI

...indietro