...torna all'indice


ALMOST BLUE - QUASI BLU
di Alex Infascelli

Un serial-killer si aggira per Bologna ed Ŕ a caccia di studenti che chattano su internet. Il suo scopo Ŕ ucciderli ed assumerne la personalitÓ , come un camaleonte che Ŕ in grado di mutare il colore della sua epidermide. Una poliziotta Ŕ sulle sue tracce da molto tempo e grazie all'aiuto di un ragazzo cieco, che associa le voci e i suoni ai colori, cercherà di catturarlo. Il primo film di Alex Infascelli, giovane regista di videoclip, che passa al grande schermo proponendoci questo "Seven" in salsa italiana. La tecnica e le capacitÓ visive di Alex sono eccellenti ed il film Ŕ pieno di immagini d'impatto. La fotografia Ŕ dark al punto giusto e le ambientazioni riescono a trasmettere angoscia e squallore. Tutto in regola per consacrare questo "Almost Blue" all'albo dei Cult-movie ma...c'Ŕ qualcosa che non funziona. La sceneggiatura Ŕ superficiale ed affrettata (specialmente nelle parte finale del film), gli attori non riescono a dare il meglio di loro stessi e dopo una partenza a razzo il film s'infiacchisce e perde colpi (diciamocelo francamente...la scena di sesso fra la poliziotta e il cieco Ŕ davvero forzatissima). Peccato veder sfumare cosi' un'occasione propizia per sfornare un gioiello di thriller truce...peccato, ma spero vivamente che Infascelli ci riprovi. Ha uno stile visionario che affascina.

VOTO: 6,5

...indietro