...torna all'indice


SILENT NIGHT BLOODY NIGHT
di Christopher Ameruoso

Cristopher Ameruoso è un celebre fotografo di “animali domestici” delle star hollywoodiane e nel 2008 si è cimentato in una prova registica, finora l'unica, con “Silent Night Bloody Night” (che nulla ha a che vedere con l'omonimo film del 1974), cortometraggio horror di appena 6 minuti di durata. La storia vede Max, in partenza per lavoro alla vigilia di Natale, andare a casa di Frankie, la sua ragazza, per darle un regalo e salutarla. Anche la fidanzata ha un pacchetto per lui, solo che il suo contenuto non sarà esattamente una piacevole sorpresa per l'uomo. Esempio lampante di come si possa girare un cortometraggio sfruttando non solo un'unica location ma, addirittura, una piccola porzione della location stessa. Difatti l'intera vicenda si svolge all'interno di una stanza in cui vediamo solo il camino acceso ed addobbato, con la ragazza in piedi e l'uomo seduto in poltrona. Ritmo, cura della confezione (seppur l'editing non risulti sempre convincente e le musiche siano assurdamente pompose) e capacità di sintesi sono elementi che spiccano in “Silent Night Bloody Night” che risulta un prodotto scorrevole e godibile. Plot elementare e sceneggiatura lineare, con un colpo di scena piuttosto prevedibile, ma discreta la prova del cast che s'impegna, il più possibile, per rendere credibile il tutto. Fotografia e scenografia patinate ed abbondantemente kitsch .

VOTO: 7

...indietro