...torna all'indice


MAI SEPPELLIRE UN ASSASSINO !
di Pierluigi Caramel

Opera seconda del poliedrico Caramel (autore de “ La Morte ha il camice bianco”) che mette in scena un horror gotico ispirato al racconto “ La Tomba ” di H.P.Lovecraft. Siamo in un paesino dell'Italia, nel 1960, dove il solitario e visionario Jervas s'incammina fra i boschi, sognando di poter incontrare le sue fantasie materializzate. Il ragazzo s'imbatte in una vecchia e cadente tomba che attrae morbosamente la sua attenzione. Dalle profondità del sepolcro sembra sprigionarsi una forza opprimente e subdola che farà tragicamente vacillare la mente di Jervas. Coraggioso cortometraggio che, con pochi mezzi, cerca una non facile ricostruzione storica attraverso l'uso di costumi, suggestivi paesaggi rurali ed una fotografia in livido bianco e nero. Lo stile visivo di Caramel (già in evidenza nella sua opera prima) qui si acuisce e compone spesso sequenze ed immagini di grande suggestione. I limiti di budget costringono l'opera a ridimensionare le sue ambizioni, la vicenda stessa è a volte preda d'ingenuità, la tecnica di montaggio risulta a tratti rozza cosi' come incerti sono alcuni movimenti di camera, eppure “Mai seppellire un assassino!” risulta affascinante. E' concepito in modo da mescolare stile classico, tipico del gotico italiano anni' 60, con sfuriate da videoclip che non stonano nell'insieme finale. Ottimo la colonna sonora e volenterosi tutti gli attori. Un applauso quindi a Caramel e ai suoi collaboratori, in attesa di un nuovo prodotto che confermi le ottime premesse fornite da “Mai seppellire un assassino!”.

VOTO: 7

...indietro