...torna all'indice


PARIS BY NIGHT OF THE LIVING DEAD
di Grégory Morin

Frenetico corto splatter /parodistico francese del 2009, in cui assistiamo alle vicissitudini di una coppia di freschi sposini alle prese con orde di morti viventi, che sembrano ormai aver conquistato la città di Parigi. Marito e moglie ci danno dentro con fucili, pistole, mitra, armi bianche e non esitano a spingersi sul pesante, tirando fuori bazooka e lanciamissili. Tutto ciò nel tentativo di passare una tranquilla luna di miele, nella città degli innamorati. Grossolano ed iper-ritmato, il corto di Grégory Morin da fondo a tutti i clichè della scuola Tarantino-Rodriguez-Wachowski, innaffiando i 12 minuti di durata con una vagonata di splatter realizzato in CG. Proprio la quantità massiccia, che in questo caso spesso non corrisponde a qualità, di computer grafica lede però all'efficacia dell'operazione. Interi fondali ricostruiti (ben oltre le effettive possibilità, offerte dai mezzi tecnici a disposizione) in chroma key , decapitazioni ed amputazioni da cartoon , combattimenti e sparatorie smaccatamente posticce, sono tutti elementi che sommati ad un uso di comicità di grana grossa finiscono con rendere decisamente tiepido l'insieme. Morin, che ci da dentro di steadycam e carrellate come un forsennato, concatena una serie di ammazzamenti e gags cercando di colpire ripetutamente lo spettatore e strappargli risate ma, nonostante alcune scene azzeccate, vi riesce di rado. Bizzarrie a iosa e personaggi caricaturali vengono inseriti nel corto fra i quali va segnalato lo zombie-Zidane (!!!) che, con ancora indosso la divisa della nazionale di calcio transalpina, se ne va a zonzo menando testate all'aria. La coppia di sposi è interpretata, piuttosto debolmente invero, da due giovani attori già insieme in Frontiere(s), ossia David Saracino e Karina Testa, quest'ultima presente anche nel nostrano Shadow. Era decisamente lecito aspettarsi, dall'intera operazione, qualcosa di più.

VOTO: 5,5

...indietro