...torna all'indice


NELLA STRETTA MORSA DELLA FOLLIA
di Michele Vermigli

Dei malviventi sequestrano una ragazza a scopo di ricatto e la imprigionano in un appartamento. Col passare del tempo vengono a galla alcune inquietanti verità nascoste; la ragazza è tutto fuorché un semplice ostaggio ma anzi rivela delle potenzialità letali nei confronti dei sequestratori che oltretutto dovranno presto vedersela anche con un altro personaggio animato delle peggiori intenzioni nei loro confronti. Vermigli ama molto l'horror, sia esso di stampo recente che di matrice anni '70, e questo si nota sia dalla trama e sia dalla scelta dei personaggi e dei loro “doppi volti”. Lodevole anche l'idea di creare un cortometraggio dalla breve durata ma strutturato in modo esaustivo, seppur basato su concetti molto semplici. Tutti gli elementi messi in campo vengono collocati in una posizione, poi spostati in un'altra opposta, ed il passaggio viene giustificato ed esplicato completamente. Purtroppo ciò che non funziona è decisamente la confezione dell'opera, troppo rozza tecnicamente, specie per quanto concerne montaggio e fotografia. Interpreti volenterosi ed una buona dose di splatter, ottenuto con metodi caserecci ma a volte efficaci, condiscono il tutto ed il ritmo stesso della vicenda è discreto. Nel complesso “Nella stretta morsa della follia” risulta piacevole ma ancora acerbo tecnicamente. Non è un male insormontabile, anzi Vermigli può e deve migliorare lavorando a future opere.

VOTO: 6

...indietro