...torna all'indice


FOREVER
di Giacomo Dimarno

Ecco a voi il cortometraggio probabilmente più ambizioso di Dimarno e di certo più impegnativo dal punto di vista dei mezzi impiegati. Un leggendario scettro, di origini antichissime, è il fulcro del potere sulla vita e sulla morte degli esseri umani. Un gruppetto di giovani, a conoscenza del mitico oggetto, decide di ritrovarlo e di impossessarsene. Ma un monaco mostruoso, che sta a guardia dello scettro, si risveglierà furibondo pronto a mietere una strage. Finale sorprendente. Ormai si è capito, Giacomo Dimarno si trova a suo agio con visioni oniriche che gli permettono di creare situazioni surreali montate in maniera molto creativa. Il soggetto di questo corto è comunque più interessante rispetto alle opere precedenti e, anche se il finale non mi ha convinto del tutto, il risultato complessivo è di tutto rispetto. Ci sono scene che non avevo mai visto in un opera amatoriale prima d'ora. In una di queste, una ragazza si trova di fronte ad alcuni personaggi vestiti in modo ottocentesco (dove hai recuperato quei bellissimi costumi Dimarno???). Le locations sono assai suggestive ed alcune apparizioni del monaco-demone realmente inquietanti (una su tutte quella in cui appare in mezzo ad un campo desolato). Gli attori, ben diretti, se la cavano molto bene e risultano abbastanza credibili nei loro ruoli. Questo "Forever" è sicuramente un grande passo in avanti per Dimarno sia dal punto di vista scenografico che dal punto di vista delle trovate visive. Veramente notevole.

VOTO: 7,5

...indietro