...torna all'indice


ECSTASY IN THE PARKING
di Davide Cardelli

Mediometraggio horror/trash/psichedelico diretto da Davide Cardelli e co-prodotto assieme a Yari Pignotti che riserva non poche sorprese a livello visivo e che ha il suo punto di forza nel montaggio serrato e piuttosto curato. La storia narra le vicissitudini di un ragazzo, intrappolato all'interno della sua auto in un parcheggio, vittima di una serie di incubi, sanguinose visioni, strambi incontri che lo faranno precipitare in una spirale di delirio e sangue. Ma a tutto c'è una spiegazione…forse… Prodotto a budget zero, “Ecstasy in the parking” punta tutto su cattivo gusto & frenesia visiva, riuscendo a creare spesso situazioni, di stampo talvolta vagamente surreale e talvolta apertamente orrorifico, che divertono nel loro assurdo “contorcersi” apparentemente senza soluzione narrativa sensata. Ma è anche vero che è nelle intenzioni dell'autore omaggiare il cinema di serie z più deviato e l'underground del gore più becero e demente (vedasi la scena della ragazza incinta e del tossico psicotico). Se tutto ciò risulta divertente ciò che indebolisce l'attenzione dello spettatore è l'eccessiva durata dell'opera stessa, la quale sarebbe stata probabilmente molto più incisiva e spassosa se sintetizzata in un quarto d'ora appena. La stessa soluzione finale del film arriva inaspettata e, per assurdo, spezza l'atmosfera trash quasi ipnotica che si era venuta a creare. Nonostante ciò c'è da sottolineare l'ottimo risultato ottenuto in fase di editino, con uso di stacchi sporchi e repentini ben calcolati, filtri video semplici ma usati in modo efficace ed una cura per gli effetti sonori decisamente buona. Interpretazioni degli attori, e non poteva essere altrimenti, assolutamente sopra le righe.

VOTO: 6,5

...indietro