...torna all'indice


DOMANI
di Piero Cannata

L’orrore della solitudine. Una giovane ragazza e il suo ultimo messaggio al mondo, che saprà della sua esistenza disperata solamente domani…Bastano queste poche righe per suggerire l’intensità di questo nuovo corto di Piero Cannata. Il regista siciliano si tuffa nell’orrore della quotidiana realtà e, con mano sicura e notevole sensibilità, traccia questa storia coinvolgente e commovente. Ottima la tecnica di regia, molto dinamico il montaggio ed evocativa la colonna sonora. In soli 5 minuti, Cannata struttura una sceneggiatura solida con colpo di scena ed efficace resa drammatica. Niente mostri né sangue, nessun sfogo nel soprannaturale, solamente la fredda realtà ben più paurosa di qualsiasi spettro. L’ennesima conferma del talento di questo giovane regista indipendente che con “Domani” ha ottenuto numerosi premi in vari festival di settore (cosa peraltro accaduta anche con le sue precedenti opere). Auguriamoci che ci sia un qualche produttore cinematografico in ascolto…perché Cannata ha tutte le carte in regola per puntare molto in alto.

VOTO: 8

...indietro