...torna all'indice


BODY COUNT
di Davide Cancila

Due cinici autori televisivi si presentano ad un produttore per mostrargli il loro nuovo “reality show”. Riluttante l'uomo accetta di dare uno sguardo al loro promo, ma resterà agghiacciato da ciò che scoprirà. Trattasi di “Body Count”, un reality in cui i ragazzi e le ragazze selezionati dovranno cercare di sopravvivere ad uno spietato serial-killer che si annida nella casa in cui vivono. Curando praticamente tutti i settori tecnici del suo cortometraggio, Davide Cancila ci propone un'opera molto ironica e dotata di buon ritmo narrativo e simpatiche trovate di sceneggiatura. Ottimo l'inizo del corto in cui i ragazzi vengono intervistati sul significato di parole come “Slasher” oppure “Body count” cosi' come esilaranti sono i titoli di coda. Nonostante alcune pecche nella confezione, una fotografia non sempre ottimale ed alcune ingenuità, Cancila svolge un lodevole lavoro senza mai tralasciare una salutare e copiosa dose di ironia, che lascia trasparire anche la sua grande passione per il genere horror. Pur non necessitando di effetti splatter, la maggior parte dei delitti sono effettuati fuori campo perdendo un po' d'impatto. Davvero simpatici e spontanei tutti gli attori ed efficace il messaggio di fondo, critica al vetriolo ai danni del mondo della televisione, sporco, cinico e sleale.

VOTO: 6,5

...indietro