...torna all'indice


AGONIA : RESURREZIONE PER UN MASSACRO
(AGONATION)

di Davide Pesca

Ecco a voi la risposta italiana a "Violent Shit" firmata dal ventenne Davide Pesca. Durante un pic-nic due ragazze trovano casualmente un manoscritto in cui vengono narrate le tremende disavventure di un uomo e di suo figlio, il quale assalito ed ucciso da un satanista fu trasformato in una sorta di zombi assassino. Nel foglio c'è anche una formula magica che letta a voce alta da una delle ragazze causa la resurrezione del mostro, che se ne va in giro ad affettare un bel po' di persone. Dopo l'ecatombe si arriverà al confronto fra l'ultima superstite e l'assassino che vedrà entrambi perire sanguinosamente. Tutto finito? Eh no! Nel finale di film vediamo di nuovo il manoscritto venir recuperato da altre persone che si accingono a leggerlo di nuovo… Simpatico esempio di cinema self-made girato in digitale e montato al computer da un giovane appassionato di horror. Aldilà delle riprese non sempre eccelse e troppo lunghe nei piani sequenza, c'è da dire che il film si lascia guardare per quel che è: una carneficina realizzata in allegria! Gli attori sono assai volenterosi (anche se più di una volta sghignazzano spudoratamente!) e gli effetti speciali (alle volte un po' raffazzonati) dosati in gran quantità con evirazioni, decapitazioni e torture assortite. Spassosa la scena in cui un ciclista viene aggredito dal maniaco, che prima lo aggancia con l'amo di una canna da pesca staccandogli un orecchio, e poi lo sgozza brutalmente con un coltellaccio da cucina. Divertente anche l'idea di dare all'assassino il vizietto di procurarsi dei souvenir. Difatti ogni volta che il "nostro" scanna qualcuno lascia l'arma del delitto e se ne procura una nuova trovata rovistando nel luogo dell'omicidio. Interessanti le musiche composte in coppia da Davide Pesca e Ramon Bettega. In definitiva uno splatter divertente.
Bravo Davide continua cosi'!

VOTO : 6

...indietro