...torna all'indice

 

 

MINDCREEP

Ecco a voi il terzo film targato Gutted Inc.. La storia comincia con il risveglio di soprassalto da parte di un ragazzo. Nel sogno stava divorando le interiora di una ragazza distesa al suolo. Ora è sveglio, confuso...attonito si guarda attorno e scopre di essere in una stanza assieme ad altre quattro persone apparentemente addormentate. D'improvviso compare un'inquietante figuro con un saio scarlatto ed una maschera bianca al quale il giovane spaventato pone subito delle domande. Sembra che la "maschera" sappia tutto di lui e delle altre persone che si trovano li' ma allo stesso tempo non vuole aiutare Giona (è questo il nome del giovane) a dissolvere i suoi dubbi anzi...gli propone un crudele gioco fatto di ricordi. Cosi' il ragazzo si trova costretto a scavare nella memoria offuscata per cercare di capire e per svegliare le persone prigioniere nella stanza. A complicare la situazione ci si mette il fatto che i ragazzi dormienti sognano e nel sogno rischiano di restare intrappolati e morire fra atroci tormenti.
Senza spiegare altro e senza svelar troppo lascio in sospeso le svolte della vicenda. Indubbiamente "MINDCREEP" è il più visionario e psichedelico film della Gutted Inc.. Piuttosto lontano dalle atmosfere realistiche di "
BLADE KILLER" e da quelle apocalittico-splatter di "ZOMBI NEW MILLENNIUM" , il film in questione risulta un horror atipico ed onirico. La pellicola ha comunque svolte logiche e reali alternate ad altre ben più simboliche e metaforiche. Le riprese sono durate circa quattro mesi con un cast che mescola alcune presenze che sono apparse anche nei due precedenti film assieme a volti nuovi ed assai interesanti. Il protagonista è Corrado Ficola (Giona, nel film) già vecchia presenza nei due prodotti precedenti che qui però è al suo primo ruolo di importanza primaria. I nuovi volti sono rappresentati invece da Sofia Marinelli ( la cinica Sofia ), Chiara Mescolini ( la debole e vendicativa Chiara), Fabio Tascini ( il feroce razzista Patrick) e Filippo Sassinelli ( il privo di personalità Zeno ). Tutte ottime interpretazioni davvero, bravissimi nel rendere credibili i personaggi dalle personalità cosi' marcate. E' uno degli obbiettivi di "MINDCREEP" difatti mettere in luce tali accesi difetti umani con le conseguenti crude leggi di contrappasso. Il costo del film, realizzato in 8mm, sfiora il mezzo milione ed è stato montato su VHS con l'ausilio di un mixer audio-video maneggiato dal solito grande Sauro Giacchè. Cosa che suscita interesse è rappresentata dai diversi ed intriganti scenari usati nel film. Dalle vie desolate di Deruta alle zone nebbiose di Marsciano passando per il gotico Palazzo Pietromarchi, che il sindaco ci ha gentilmente aperto per le riprese. Perfino all'interno di un ristorante molto molto cupo.Inoltre memorabile è anche il deserto parcheggio di un supermercato dove Zeno viene inseguito da un demonico Clown. Come di consueto anche questo film è stato realizzato di notte con una notevole alternanza di interni ed esterni. Gli effetti speciali sono stati curati dalla G.E.M. SPFX che in sostatnza è un nome che cela noi stessi. Non c'è un abbondanza esagerata di momenti splatter come nei film precedenti ma si può ben dire che gli FX sono soddisfacenti. C'è una scena di cannibalismo molto cruda, un'evirazione e..scopritelo da soli !! La voce della maschera è la mia, registrata al computer tramite microfono e modificata in modo da essere cavernosa e molto d'effetto. In questo terzo film ci sono anche io che recito! Un cameo nel ruolo di un cameriere folle che accompagna Sofia nell'incubo. Di sicuro siamo tutti molto soddisfatti del risultato finale. Si riescono a palpare momenti di angoscia nel film che a tratti può apparire piuttosto pretenzioso. Ma era nelle mie intenzioni creare un qualcosa che avesse diversi messaggi in sè e che li comunicasse con immagini forti e , se volete, esorcizzanti. Si parla di razzismo, di avidità, di solitudine, di fallimenti, di maschere indossate come protezioni da tutti noi. Maschere di cui ,per quanto si voglia, non ci si può liberare mai. Si parla di droga in "MINDCREEP", di droghe sintetiche e della loro stupida inutilità. Da menzionare assolutamente sono anche le musiche create da grande Corrado Ficola ( davvero un jolly tuttofare!!!). Realizzate al computer con l'ausilio di diversi programmi, rispecchiano lo spirito del film con alternanza di pezzi gotici e basi caotiche destabilizzanti. Le musiche addizionali sono state realizzate dai SOTHIS ( gruppo metal di Franco Topitti..si..ancora lui..il mitico Nicholas!!) e dai C.F.C. ( gruppo ska che per l'occasione mi ha fornito l'ottimo pezzo Hard-Rock intitolato "Fantasmarido" ).Curati e ben dosati i dialoghi del film scritti da Sofia Marinelli e da Elena Beretta. Infine davvero particolare il saio realizzato da Valentina Bonalume e la maschera modellata a mano dal solito, grandissimo, insostituibile Corrado Ficola. Insomma per concludere si può affermare che "MINDCREEP" è un horror psichedelico ben riuscito e che ancora una volta rappresenta (c'è bisogno di ripeterlo?) un sogno fantastico che ha preso forma e concretezza. Di sicuro l'obbiettivo che mi ero preposto è stato raggiunto, ovvero quello di dare molto ritmo alla vicenda. Difatti nella pellicola non ci sono momenti di stasi come nelle precedenti poichè la successione degli eventi è quantomeno rapida ed incalzante. A difesa dei due film precedenti c'è da dire che comunque necessitavano di quei ritmi per l'evoluzione della storia stessa. Aldilà quindi del mio parere che inevitabilmente non può essere del tutto obbiettivo di certo chi ama l'horror potrà apprezzare il film. Cosi' come che ha apprezzato i precedenti film della GUTTED INC. credo resterà soddisfatto appieno dei risultati ottenuti. E' tutto amici...restate sintonizzati però (ehehe..sembro un imbonitore di televendite..) perchè ci sono in serbo altri progetti e presto...molto presto..nuovi horror targati "Gutted Inc. Productions" !!!

ALEX VISANI

...torna all'indice